Ti trovi in:

Polizia locale » Polizia Giudiziaria » Denunce e querele

Denunce e querele

di Venerdì, 16 Ottobre 2015 - Ultima modifica: Giovedì, 22 Ottobre 2015
Immagine decorativa

La denuncia può essere presentata in forma orale o scritta.
 La denuncia deve contenere l'esposizione dei fatti ed essere sottoscritta dal denunciante o dal suo avvocato.
 La persona che presenta una denuncia ha diritto di ottenere attestazione della ricezione.
 La querela è la dichiarazione con la quale la persona che ha subito un reato (o il suo legale rappresentante) esprime la volontà che si proceda per punire il colpevole.
 E’ prevista dagli artt. 336 e 340 del codice di procedura penale e riguarda i reati non perseguibili d'ufficio.

La denuncia è l’atto con il quale chiunque abbia notizia di un reato perseguibile d'ufficio ne informa il pubblico ministero o un ufficiale di polizia giudiziaria.
 La denuncia è un atto facoltativo, ma diventa obbligatorio in alcuni casi espressamente previsti dalla legge:•se si viene a conoscenza di un reato contro lo Stato (attentati, terrorismo, spionaggio politico-militare, stragi)•se ci si accorge di aver ricevuto in buona fede denaro falso•se si riceve denaro sospetto o si acquistano oggetti di dubbia origine•se si viene a conoscenza di depositi di materie esplodenti o si rinvenga qualsiasi esplosivo•se si subisce un furto o smarrisce un'arma, parte di essa o un esplosivo•nel caso in cui rappresentanti sportivi abbiano avuto notizia di imbrogli nelle competizioni sportive.
 
Quando la denuncia è facoltativa non è previsto alcun termine per la sua presentazione, mentre nei casi di denuncia obbligatoria apposite disposizioni stabiliscono il termine entro il quale essa deve essere fatta.
 
La denuncia può essere presentata in forma orale o scritta.
 La denuncia deve contenere l'esposizione dei fatti ed essere sottoscritta dal denunciante o dal suo avvocato.
 La persona che presenta una denuncia ha diritto di ottenere attestazione della ricezione.
 
La querela è la dichiarazione con la quale la persona che ha subito un reato (o il suo legale rappresentante) esprime la volontà che si proceda per punire il colpevole.
 E’ prevista dagli artt. 336 e 340 del codice di procedura penale e riguarda i reati non perseguibili d'ufficio.
 Non ci sono particolari regole per il contenuto dell'atto di querela, ma è necessario che, oltre ad essere descritto il fatto-reato, risulti chiara la volontà del querelante che si proceda in ordine al fatto e se ne punisca il colpevole.
 La querela deve essere presentata:•entro 3 mesi dal giorno in cui si ha notizia del fatto che costituisce il reato•entro 6 mesi per reati contro la libertà sessuale (violenza sessuale o atti sessuali con minorenne).
 
E’ possibile ritirare la querela precedentemente proposta tranne nel caso di violenza sessuale o atti sessuali con minorenni.
 
La revoca della querela prende il nome di remissione.
 Affinché la querela sia archiviata, è necessario che la remissione sia accettata dal querelato che, se innocente, potrebbe avere invece interesse a dimostrare attraverso il processo la sua completa estraneità al reato.